Tutti i concerti di T!ILT allo sPAZIO211

Tutti i concerti della  rassegna T!LT allo sPAZIO 211. Questa settimana in Via Cigna arriva Bonnie Prince Billy.

Ecco il calendario aggiornato dei concerti di T!LT, ovvero Turin !S Louder Today, la rassegna che porta allo sPAZIO211 di Torino alcuni tra i nomi internazionali del rock (nelle sue diverse declinazioni) più interessanti degli ultimi anni.

BONNIE PRINCE BILLY

MERCOLEDI’ 15 MAGGIO 2024 | DOOR H 21.00 | PREVENDITA € 22 + ddp (DOOR TICKET € 25)

Bonnie “Prince” Billy è il principale dei numerosi pseudonimi adottati nel corso della sua carriera dal cantautore statunitense Will Oldham, uno dei più rappresentativi songwriter della scena emersa dagli anni Novanta.  Dedito tanto a un folk scarnificato quanto a un alt-country obliquo, nel 2000 ha anche ricevuto il suggello di Johnny Cash, che ha incluso nel suo “American III: Solitary Man” la sua drammatica “I See A Darkness”.

“Keeping Secrets Will Destroy You” è il titolo del nuovo album uscito ad agosto scorso via Domino Records. Il disco è stato registrato a Louisville da Nick Roeder, con Sara Louise Callaway al violino, Kendall Carter alle tastiere, Elisabeth Fuchsia alla viola e al violino, Dave Howard al mandolino, Drew Miller al sassofono e la voce di Dane Waters.

Un disco fatto di storie come solo Joseph Will Oldham (così all’anagrafe) sa raccontare, o meglio, cantare. Dodici canzoni da ascoltare tutti insieme: un flusso costante di emozioni tanto essenziali e acerbe quanto delicatamente sobrie, una raccolta di ballate tanto familiari quanto ricche di dettagli e sfumature che ne nutrono la natura policroma e cangiante.

Biglietti su DICE.FM

PUMA BLUE

blank

VENERDI’ 24 MAGGIO 2024 | DOOR H 21.00 | PREVENDITA € 20 + ddp

Jacob Allen è un cantautore, produttore e poeta meglio conosciuto come Puma Blue.
La morte si annida come una dolce creatura nel cuore di Holy Waters, l’attesissimo seguito di In Praise of Shadows del 2021, in uscita in autunno via Blue Flowers. Un salto sostanziale nell’arte di Jacob;
straordinarie moltitudini di dolore e sollievo sono percorse nella sua scrittura, navigando negli spazi tra dolore ed euforia, e nelle strane sembianze tra solitudine e collettività.

La sua voce è un tessuto vaporoso che si diletta nel linguaggio più brillante, mentre ripercorre ogni sentiero percorso negli anni più duri della sua vita con una sincerità sorprendente, guardando negli occhi iniettati di sangue ogni volto del dolore. Ispirato ancora da luminari come Jeff Buckley e Björk, per Holy Waters è stato più importante l’inspiegabile connubio tra band e produzione dal vivo dei Portishead e il lavoro di improvvisazione di Can e Hendrix. Con Harvey Grant al sassofono, alle tastiere e alla co-produzione, Cameron Dawson al basso, Ellis Dupuy alla batteria e Luke Bower alla chitarra, è ironico che un album che fa i conti con una solitudine totalizzante sia stato costruito su basi di amicizia così solide.

Biglietti su DICE.FM

BDRMM
opening act: Atlante

blank

GIOVEDI’ 4 LUGLIO 2024 | DOOR H 19.00 | PREVENDITA € 20

I BDRMM sono un dolce connubio di melodie, ritmi e rumori ipnotici che penetra in maniera irreversibile nel cuore di chi li ascolta. Un mix irresistibile di krautrock, shoegaze and lo-fi indie-pop dalle atmosfere calde ed avvolgenti.

In  apertura gli Atlante: tra le band più amate del panorama emergente torinese e non solo. Fondono  alt-rock ed elettronica in un introspettivo vortice di suoni.

Biglietti su DICE.FM

JON SPENCER

blank

DOMENICA 14 LUGLIO | DOOR H 19.00 | PREVENDITA € 23

Jon Spencer ripercorre il meglio della sua discografia cantando le hit di Blues Explosion, Pussy Galore, Hitmakers e di tutti i progetti che hanno accompagnato la sua storica carriera artistica.

Biglietti disponibili su DICE.FM

THE GORIES
opening act: Sloks

blank

GIOVEDI’ 19 SETTEMBRE 2024 | DOOR H 21.00 | INGRESSO € 20 (PREVENDITA SU DICE)

I Gories sono Mick Collins, Dan Kroha e Peggy O’Neill uniti sotto il vessillo del garage punk statunitense dal 1986. Il loro album di debutto, “Houserockin’”, è uscito nel 1989, seguito da altre pietre miliari del genere come “I Know You Fine, but How You Doin’” e “Outta Here”. Riconosciuti per le loro energiche performance dal vivo e per il loro suono grezzo e distorto, influenzato dal blues, dal garage rock e dal punk, i Gories hanno avuto un impatto significativo sulla scena musicale underground degli anni ’80 e ’90, influenzando numerosi artisti nel corso degli anni.

In apertura gli Sloks: RawPower, Super Primitive Garage Punk, Desperate No-Wave, Trashed out Rock’n’roll combo da Torino.

Biglietti disponibili presto su DICE.FM

DANIEL NORGREN

blank

GIOVEDI’ 03 OTTOBRE 2024 | DOOR H 21.00 | INGRESSO € 25 (PREVENDITA € 22 + ddp)

Daniel Norgren, il compositore della colonna sonora del film campione di incassi  “Le Otto Montagne”, arriva in Italia con il suo nuovo album in studio in uscita quest’anno.

La sua musica, in grado di arricchire la trama di un’atmosfera intima, ha ottenuto successo e riconoscimenti a livello mondiale. La sua colonna sonora ha vinto il Crystal Pine Award per “Best Use of Music” agli International Sound & Film Music Awards, mentre il film ha ottenuto ben quattro David di Donatello, tra cui quello per il miglior film. Una colonna sonora struggente che culmina con il brano “As Long As We Last”, tratto dal disco del 2015 “Alabursy”.

La musica di Daniel Norgren riflette il suo ambiente e la sua capacità di catturare momenti intimi ed emozioni. Le sue performance sono trascinanti. Seguendo il suo istinto, Daniel Norgren è riuscito a costruire un pubblico devoto, in sintonia con il suo sincero e introspettivo approccio alla scrittura e all’esecuzione dei brani.

Daniel Norgren (piano e chitarra), sarà in tour con Anders Grahn al basso, Andreas Filipsson alla chitarra, Anders Rane alle tastiere ed Erik Berntsson alla batteria.

Biglietti disponibili presto su DICE.FM

JOHN MAUS

blank

GIOVEDI’ 24 OTTOBRE 2024 | DOOR H 21.00 | PREVENDITA € 20

John Maus, musicista enigmatico, fonde synth-pop, retro-futurismo e sperimentazione. I suoi tre album chiave dal 2006 incarnano significato infinito, grazia autentica e umorismo assurdo. Influenzato dagli anni ’80, aggiunge polifonia rinascimentale e post-punk. Utilizzando il linguaggio punk, esplora l’umanità, specialmente in “We Must Become The Pitiless Censors Of Ourselves” (2011) e “Screen Memories” (2017). Quest’ultimo, con liriche spartane e temi escatologici, evoca una sensazione di perdizione e redenzione. Nel 2018, pubblica una collezione completa dei suoi lavori e ora esplora colonne sonore mentre prepara un nuovo album, mantenendo la sua ricerca musicale variegata.

Biglietti disponibili presto su DICE.FM