Il progetto Tones Teatro Natura per riqualificare una cava trasformandola in un teatro permanente

Tones Teatro Natura è il nuovo grande progetto di Tones on the Stones che attraverso un percorso di riqualifica ambientale trasforma l’ex sito industriale di Cava Roncino in un Teatro permanente immerso nella natura.

L’ex Cava di Gneiss si trova nella località di Oira una piccola frazione della Valle Ossola, tra boschi, vigneti terrazzati e antichi borghi in pietra. Il paesaggio circostante evidenzia quanto la storia del territorio sia profondamente legata all’estrazione della pietra, alla sua lavorazione evidente nell’ ampio uso nell’architettura rurale. Un patrimonio storico, econoico e culturale che Tones on the Stones ha sempre cercato di raccontare e valorizzare.

La conversione dello spazio industriale in Luogo della Cultura è pensata soprattutto a favore delle nuove generazioni, con l’obiettivo di essere un gate aperto al mondo e per favorire lo scambio di idee, progetti e visioni inclusive e coraggiose.

In un momento storico che ha rivelato tutte le fragilità del sistema urbano e mentre tutti i teatri nel mondo sono rimasti chiusi per un oltre un anno, costruire un Teatro nella Natura è sembrata una sfida estremamente motivante oltre che a rappresentare un’opportunità di rilancio per un territorio di grande bellezza e a forte vocazione turistica.

Tones Teatro Natura diventerà la casa di Tones on the Stones, uno spazio per produzioni site-specific, per progetti in co-produzione con partner internazionali, un luogo per dar vita a laboratori di formazione per artisti e per attività destinate a studenti e cittadini sui temi dell’ambiente e della sostenibilità.

Il Teatro favorirà la vocazione di Tones on the Stones di fare ricerca nell’ambito delle tecnologie digitali applicate alla produzione di spettacoli dal vivo outdoor, per dar vita a produzioni di grandi show immersivi, installazioni e progetti sperimentali audio-visivi con artisti in residenza.

Uno spazio che rappresenta una grande boccata di ossigeno, nel quale potersi incontrare, confrontare e creare, nel quale il digitale è totalmente al servizio dell’analogico che, mai come in questo tempo di pandemia, appare l’aspetto più prezioso del processo creativo.

Progetto architettonico a cura di Fuzz Atelier

Masterplan

Il progetto per si configura come un intervento site-specific in grado di valorizzare il contesto paesaggistico attraverso una strategia compositiva modulare e flessibile a diverse modalità di utilizzo. La disposizione funzionale dell’intero progetto, si imposta sulle linee geometriche definite dalla cava, assecondando la morfologia del paesaggio.

Il progetto oltre a prevedere la predisposizione dello spazio per eventi, articola una serie di funzioni accessorie per il corretto sviluppo di tutte le attività. Il masterplan prevede due palcoscenici, l’inserimento di un ticket office, un’area ristoro, un’area bar, un’area tecnica, un’area per workshop.

Progetto

La strategia architettonica si imposta secondo tre principi fondamentali: modularità – trasparenza – flessibilità. Questi tre aspetti determinano un approccio in costante dialogo con la natura circostante e con i futuri fruitori che potranno plasmare lo spazio secondo le proprie necessità. Il processo costruttivo prevede una stratificazione di tre componenti principali: una struttura modulare in acciaio, pannelli di rivestimento modulari di pietre locali e volumi prefabbricati.

L’area predisposta per gli eventi, manifesta i caratteri distintivi della tipologia architettonica del teatro, prefigurando un assetto compositivo simmetrico nonostante le irregolarità presentate dalle pareti della cava. Il progetto si sviluppa intorno ad un vuoto centrale su cui si attestano sui lati lunghi della cava, le strutture che ospiteranno le attività accessorie.

Il progetto si afferma come opera architettonica-paesaggistica in grado di impostare un nuovo dialogo con il contesto naturale e con la storia del luogo, permettendo una continuità narrativa che trae le proprie radici dal passato, tramandando alle future generazioni la possibilità di continuare a vivere questi spazi, contribuendo alla loro trasformazione.

La sostenibilità di Tones Teatro Natura

GREEN SENTINEL

Stiamo promuovendo la costituzione un gruppo di volontari e responsabili dell’educazione ambientale e storytelling nei confronti del pubblico e della “tenuta” ambientale del Teatro, saranno curatrici del sito e testimonial di tutti i valori culturali, sociali e ambientali che lo spazio promuove e divulga. Le Green Sentinel potranno raccontare al pubblico come il teatro è nato e quali sono le “regole di comportamento” per abitarlo e usufruire delle opportunità.