La Notte del Re di Biss ’22 tra musica, arte, storie e natura a Civiasco

Il 12 agosto in Valsesia, a Civiasco, torna La Notte del Re di Biss, piccolo festival che ospita concerti, spettacoli, mostre dedicati all’immaginario delle montagne, al bestiario locale, alle leggende, alla riflessione sul rapporto uomo/natura.

Il “re di biss”, il re dei serpenti, è il basilisco, un rettile crestato, protagonista del bestiario alpino e delle leggende di molte valli. Se il morso della tarantola fa ballare, lo sguardo del Re di Biss pietrifica chi ne è vittima. L’invito è quello di fermarsi a contemplare i luoghi che ci circondano, ad ascoltare con attenzione i suoni e le parole.
Nel 2022 La Notte del Re di Biss è il 12 agosto, con due eventi EXTRA BISS il 13 e il 14 agosto.
Programma completo: www.lanottedelredibiss.it
INFO: nottedelredibiss@gmail.com
—————————————-
PROGRAMMA
11.00 _ Parco La Valle
▴GABRIELE PINO▴
TRASFORMAZIONI BESTIALI
Laboratorio di illustrazione per ragazzi e adulti
 –
15.30_In paese
Visita guidata
MUSEO CIVICO “ERCOLE DURIO DA ROC”
 –
17.30_Parco La Valle
▴ALESSANDRO BARBAGLIA▴
STORIE STREGANTI
Racconti molto strani di fatti molto magici
di e con
Alessandro Barbaglia: voce narrante
blank
 –
18.30_Piazzetta San Carlo
▴SARA CALVANELLI / VIRGINIA SUTERA▴
CONCERTO DI IMPROVVISAZIONE
con
Sara Calvanelli: fisarmonica, voce, elettronica
Virginia Sutera: violino
 –
20.30_Parco La Valle
▴BAGINI CARLONE▴
RICETTE MUSICALI CON
CONCIORTO DI VERDURE
con
Gian Luigi Carlone: voce, fiati, ortaggi, elettronica
Biagio Bagini: voce, chitarra
 –
21.30_Parco La Valle
▴CARLOT-TA▴
MURMURE
CANZONI DI ANIMALI, ALBERI, PAESAGGI, AMORE E MORTE
con
Carlot-ta: pianoforte, voce, chitarra
Paolo Pasqualin: batteria, percussioni
 –
12-14 agosto_Chiesa di San Rocco
Mostra di illustrazioni
▴GABRIELE PINO▴
BESTIARIO NOTTURNO
blank
———————————–
INFORMAZIONI/MODALITA’ DI ACCESSO
Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito e si terranno o avranno inizio nel parco “La Valle” di Via Pian della Valle 2.
CIBI E AFFINI
Esposizioni di prodotti locali
Pranzo rustico
Punto ristoro
Mojito in piazzetta
Bar MCR_Ristobarval
blank
—————————————
SCOPRIAMO GLI OSPITI NEL DETTAGLIO: 
 –
GIAN LUIGI CARLONE. Membro fondatore e colonna portante della Banda Osiris (dal 1980) con cui ha girato Italia, Europa, Messico, Brasile, Perù, Argentina. Coautore dei trenta spettacoli prodotti dalla Banda Osiris, vanta regie di Nichetti, Vacis, Salvatores, Gallione e collaborazioni con attori e musicisti (Marcorè, Capossela, Fiorello, Bollani etc.). Per anni ospite fisso di programmi televisivi per la Rai e Mediaset (con Dandini, Nichetti, Bisio). È autore di numerose colonne sonore per il cinema (per Soldini, Garrone, Pasetto, Hernandez, Rossi Stuart, Comencini, Albanese), vincitore del David di Donatello, del Nastro d’Argento e dell’Orso d’Argento al festival di Berlino per la colonna sonora di “Primo amore” di Matteo Garrone.
 –
BIAGIO BAGINI. Scrittore che affronta tematiche di gusto animalista e ambientale con piglio creativo, già autore di programmi radiofonici (per Radio2Rai con Luciana Littizzetto, Marco Paolini, Lucilla Giagnoni) e scrittore per l’infanzia con diverse case editrici (Giunti, Panini, Orecchio Acerbo, Il Castoro, Emme e altre).
CARLOT-TA
Carlot-ta (Carlotta Sillano, 1990) è musicista e cantautrice. Ha all’attivo tre album di canzoni e più di quattrocento concerti in Italia e all’estero (Premio Tenco, MiTo Settembre Musica, JazzMi, Festival dei Due Mondi, Veneto Jazz, Auditorium Parco della Musica, Torino Jazz Festival, Liverpool Sound City etc.). Le sue canzoni raccontano di paesaggi, montagne, alberi, morte, amore, animali in un modo romantico e insieme ironico che spesso si costruisce di riferimenti letterari. L’esito è un chamber pop drammatico, oscuro e divertito.
 –
PAOLO PASQUALIN
Paolo Pasqualin diplomato al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, nel doppio ruolo di percussionista e batterista ha collaborato con figure diverse all’interno del panorama artistico-musicale: Luciano Berio, Chick Corea, Steve Reich, Ezio Bosso, Eugenio Finardi, NOA, Antonella Ruggiero, Eugenio Bennato. Ha inoltre collaborato con l’Orchestra Filarmonica e del Teatro alla Scala – sotto la direzione di R. Muti, W. Sawallisch, G. Prétre, R. Chailly. Per anni è stato il timpanista e percussionista dell’evento “Pavarotti & friends”. Dal 1992 è docente di strumenti a percussione al Conservatorio G.Verdi di Como.
 –
SARA CALVANELLI. Spaziando dai canti antichi alla sperimentazione, dall’improvvisazione libera alla scrittura per il teatro, la danza e l’immagine, Sara ricerca da sempre una dimensione personale e femminile di fisarmonica. Diplomata presso il Conservatorio Verdi di Milano, allo studio della fisarmonica ha affiancato quello del pianoforte, della composizione e del canto.
Ha realizzato concerti e performance in oltre dieci paesi nel mondo – Piccolo Teatro Strehler, Teatro Ariston , La Notte della Taranta, Festival Cervantino (Messico), Grande Teatro do Palácio das Artes, Teatro Paulo Autran (Brasile), His Majesty Theatre (Australia), Usine C (Canada), Theatre de Vidy (Svizzera), Mossovet Theatre, Puskin Theatre, Music Hall Art Theater, Young Spectators’ Theater (Russia), Teatro Solis (Uruguay), etc. – e vanta numerose collaborazioni con artisti internazionali.
 –
VIRGINIA SUTERA. Virginia Sutera si diploma con il M° Manuel Meo presso il Conservatorio Verdi di Milano e si perfeziona poi con Yulia Berinskaya, Luca Santaniello, Tim Klipius e Murat Coskun; parallelamente si laurea in Scienze della Musica e dello spettacolo all’Università di Milano con una tesi dedicata all’improvvisazione musicale. Proprio in ambito improvvisativo, dopo una masterclass presso l’Accademia Chigiana di Siena in cui conosce Stefano Battaglia, viene ammessa al suo Laboratorio di Ricerca permanente presso Siena Jazz e successivamente intraprende la ricerca in solo, duo e quartetto dando vita a più progetti dedicati all’improvvisazione. Ha collaborato tra gli altri con F. Battiato, M. Dulbecco, F. Meloni, Gian Luigi Carlone, V. Zitello, S. Cerino e F. Cerri, C. Fennesz.
 –
GABRIELE PINO
Laureato allo IED Torino in illustrazione e visual communication, lavora come illustratore freelance.
Ha disegnato fumetti per Origami e Tuttolibri de LaStampa. Ha disegnato appunti illustrati su RAIGulp nel programma La Banda dei Fuoriclasse. Ha lavorato per Mondadori, ElectaJunior, Focus Junior, ADD Editore e molti altri.
La natura e gli esseri umani sono la sua fonte di ispirazione: ne ama tanto la poesia quanto le stranezze. Realizza viaggi illustrati alla ricerca delle storie della tradizione orale e delle creature fantastiche della provincia italiana creando Il Bestiario d’Italia.
www.gabrielepino.it/
 –
ALESSANDRO BARBAGLIA
Alessandro Barbaglia (Novara 1980) è poeta e libraio.
Per Mondadori ha pubblicato nel 2017 La Locanda dell’Ultima Solitudine, finalista al Premio Bancarella. Sempre per Mondadori è uscito nel 2018 L’Atlante dell’Invisibile, nel 2020 Nella balena, nel 2022 La mossa del matto. L’Iliade di Bobby Fischer. È inoltre autore del podcast Storie vere al 97%, dove racconta storie che si infilano nelle pieghe della realtà e che hanno dell’incredibile.
Il suo romanzo per ragazzi Scacco matto tra le stelle ha vinto il Premio Strega – Ragazze e Ragazzi 2021.
———————————–
EXTRA BISS
13.08.22
21.30_Sagrato di San Gottardo
▴CONTRASTO TEATRO▴
Tua, Gilda
(Dite al treno che io passo una volta sola)
con
Elena Cascino, Alice Piano e Paolo Carenzo
E con Cristina Renda
 –
14.08.22
16.00_Chiesa di San Rocco
▴LES TROBAIRITZ▴
Poetesse di corte, melodie medievali e ricerca linguistica
con
Paola Bertello: voce
Cecilia Lasagno: arpa, voce
 –
CONTRASTO TEATRO
La Compagnia “Contrasto” è composta da 10 giovani attori che hanno condiviso lunga parte del loro percorso formativo alla Scuola di Teatro Sergio Tofano a Torino. A Civiasco presenterà lo spettacolo “Tua, Gilda”, una rivisitazione in chiave pop de “La Gilda del Mac Mahon” una raccolta di racconti del 1959 di G. Testori. In scena si gioca, a partire dal linguaggio testoriano, su femminilità e ironia di una donna devota. L’ambientazione è l’Italia degli anni Sessanta.
LES TROBAIRITZ
Il duo composto da Paola Bertello (cantante e ricercatrice) e Cecilia Lasagno (arpa e voce) propone un concerto divulgativo che ripercorre la storia delle lingue minoritarie d’Europa attraverso un repertorio eterogeneo che si estende dalla poesia cortese femminile del tredicesimo secolo fino alla canzone contemporanea in lingua catalana.
Trovatrici, contesse, regine, nutrici e mugnaie diventano sante protettrici delle lingue di minoranza, trasmesse nella loro poesia e nel canto come lingue ”madri”, mezzo di espressione di pensieri e culture originali e radicate.