Oroscopo della settimana

Tutte le settimane arrivano puntualmente i quadri astrali del nostro Gianpaolo Iacobone, tra non-sense e sensi unici. Insomma, un oroscopo non più “a caso” di tanti altri, ma più bello.

DA LUNEDÌ 13/4 A DOMENICA 19/4

13588940_10201845033525357_2125478614_o

*

*

A R I E T E

Inutile rinunciare alle foto segnaletiche di pettini iracondi e cacciaviti commestibili, meglio virare verso la fosforilazione delle finestre perplesse.

TORO

Ci piace riuscire a scoprire le piste di peli superflui che non vogliono saperne di cambiare la leva del cambio se non in cambio di un albero di tavoli.

G E M E L L I

A tutto si può non prestare attenzione, tranne al calore del forno, al colore mentre dormi e alle verande prive di gatti a forma di tubature.


C A N C R O 

Le impugnature non è il caso che vivano male il loro rapporto con i calendari che volano senza sbattere Fauto Leali, ma i cornicioni dimagriscono a vista d’occhiolino.


L E O N E

La diffrazione che si crea con disegni a base di ciabatte ossigenate e turbanti conturbanti ma senza conservanti è palese che sia un massimale.

V E R G I N E

Se una parrucca non può essere fritta, ci sarà anche un modo per affinare le distanze fra grafici a barre e bidoni di ceramica liofilizzata per gerani abitudinari.

B I L A N C I A

Un’insegna non insegna proprio niente, non può neanche indicarvi chissà cosa, semplicemente lei vive senza che voi ne possiate beneficiare in fili d’erba e palafitte.

S C O R P I O N E

Incutere timore indicando la sabbia che parla di diramazioni neurali è semplice come far cadere un babbuino nel porta sapone di un distacco di punta.

S A G I T T A R I O 

Non si sa mai che le farraginose eliche di ogni pensiero epidermico s’impregnino di pagine debilitate. Meglio gustarsi le conseguenze delle angolature prive di sale e addensanti.

C A P R I CO R N O

Una volta un posto di cui nessuno ricordava il nome si mise a correre senza motivo attraverso altri posti che non volevano giocare a tressette.

A C Q U A R I O 

La differenza che esiste tra un facile appiglio ed un mosto fermentato male sta nella più elementare nozione di moto a luogo interrotto da una ristrutturazione iposodica.

P E S C I 

Gli schiaffoni che sicuramente ogni abbonato riceve a fine giornata si sommano instancabili alle palestre tascabili che occludono i giorni meno rampicanti.