Teatro Colosseo: che cosa vedremo nel corso della prossima stagione

La programmazione 2019/2020 si preannuncia ricolma di suggestioni, sorprese e novità, tra mostre di street art, spettacoli accattivanti, concerti grandiosi e parentesi di elevata comicità.

_
_di Roberta Scalise

«Scusi, noi siamo un gruppo: ci sono prezzi convenzionati? Vorremmo vedere il suo spettacolo prima che muoia». In apparenza, un prete anziano e stanco, ma, sotto la cortina di abiti neri e formali, il volto e l’eclettismo caratteristico di Arturo Brachetti: il più grande trasformista italiano ha, infatti, emozionato la presentazione ufficiale della nuova stagione del Teatro Colosseo con un intervento inaspettato e piuttosto gradito. Nel corso del quale ha, inoltre, esposto una delle novità maggiormente accattivanti del cartellone 2019/2020, meritevole di tramutare, dal 19 dicembre al 6 gennaio, i corridoi, gli anfratti e la sala di via Madama Cristina 71 in un vero e proprio “villaggio magico”, volto a ripercorrere la vita privata e artistica del performer.

Oltre alla messa in scena de “Solo”, il “one man show” campione di sold out, vi saranno, dunque, anche «un’esposizione dei miei costumi, ancora profumati di naftalina – ha scherzato il torinese Brachetti –, video-proiezioni riguardanti testimonianze e aneddoti del mio lavoro e piccole magie sparse nei luoghi visitabili dell’edificio», al fine di colmare il periodo natalizio di convivialità e sorprese.

Sorprese che, però, non mancheranno di animare il Colosseo anche nel corso dell’estate, quando, ad agosto, il teatro aprirà il proprio sipario alla street art, la quale si trasferirà dall’esterno dei suoi muri all’interno della sala attraverso la mostra “Street art in Blu”: il progetto, realizzato con Xora e Next Exhibition, che, a partire dalle opere del celebre writer marchigiano Blu, proporrà un itinerario coinvolgente alla scoperta della storia e degli artisti più influenti del panorama attuale.

Introdurrà, invece, la stagione teatrale un gradito ritorno, “Spoglia-toy” di Luciano Melchionna (9-13 ottobre), cui si affiancheranno, nei mesi successivi, opere di prosa iconiche e attuali, come: “Il Grigio”, spettacolo scritto da Giorgio Gaber e interpretato dal cantante Elio (23 novembre); “Tango del calcio di rigore”, dramma corale con Neri Marcorè (14-15 febbraio); e l’“Amleto”, nell’originale versione di Giorgio Pasotti e Mariangela D’Abbraccio (24 marzo).

Una programmazione, quindi, molto densa, in cui occuperà un posto d’onore anche la grande musica, declinata in concerti e musical di elevata qualità, tra i quali si annoverano, in particolare: il “Personale Tour” di Fiorella Mannoia (5 ottobre); “Full Monty”, con Luca Ward e Paolo Conticini (24 ottobre); la favola nera “Sweeney Todd” (31 ottobre e 1 novembre); “L’Infinito Tour” di Roberto Vecchioni (9 novembre); “L’altra metà Tour” di Francesco Renga (12-13 dicembre); e “Ghost – Il musical” (20-21 marzo).

Impreziosiranno, poi, il cartellone molteplici parentesi di comicità e irriverenza, con artisti del calibro di, tra gli altri: Giorgio Panariello, Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni (9 dicembre); Angelo Duro (15 dicembre); Massimo Lopez e Tullio Solenghi (6 marzo); e Virginia Raffaele (3-4 aprile).

Il programma completo è consultabile sul sito: https://www.teatrocolosseo.it/.