[CONTEST] Vinci il live di Speranza al Bunker

OUTsiders webzine, in collaborazione con Magnitudo e TDC Palazzi, mette in palio 2 biglietti per il live di Speranza, venerdì 17 maggio al Bunker d Torino.

Come vincere?

1) Mettere “Mi Piace” alla pagina facebook di OUTsiders webzine (trovi link qui)

2) Mettere “parteciperò” all’evento Facebook

3) Commentare questo link sulla nostra pagina Facebook (proprio tra i commenti Fb) con l’hashtag #SPERANZAATORINO

Come fai a ritrovare il nostro post originale per commentarlo? Ti basta andare sulla nostra pagina Facebook:

– Sulla colonnina di sinistra troverai la voce “post”: cliccaci su.
– A questo punto sulla colonnina di destra troverai la dicitura “Cerca post in questa pagina” e ti basterà digitare “CONTEST SPERANZA” per ritrovare il post giusto da commentare”.
– È più facile a farsi che a dirsi: promettiamo!

NOTA BENE:
Verranno messi in palio due biglietti, uno per persona. I vincitori dei biglietti verranno estratti a sorte e contattati via Facebook (controllate la casella spam). Il contest chiuderà venerdì 17 maggio in mattinata. 

Speranza a Torino.
17 Maggio 2019
@ Bunker

Prevendite online:
̶S̶u̶p̶e̶r̶ ̶E̶a̶r̶l̶y̶ ̶b̶i̶r̶d̶ ̶T̶i̶c̶k̶e̶t̶ ̶8̶€̶ ̶ Conclusa
2nd Release 10€ →
http://bit.ly/rasperanzatorino
http://bit.ly/exceedsperanzatorino

L’anima di Torino soffre. Ha subito delle ferite.  Le strade sono presidiate. “Certi” locali vengono chiusi. La Celere carica i ciclisti e i clienti seduti fuori dai bar. Chi lavora per l’integrazione viene arrestato come un terrorista.  La produzione culturale dal basso è ottusamente ostacolata.  Il clima è teso. Serve Speranza. Viviamo un periodo storico nel quale non si può più lasciare spazio alla narrazione disgregante e lacunosa di una certa classe. Quello che vogliono distruggere non sarà più indifeso. Le persone si riprendono gli spazi, la musica, la libertà d’espressione e cambiano il racconto della realtà che ci viene offerto come una mela avvelenata. Un live per unire le persone di una città che soffre.  Il live di un artista, cresciuto nella povertà e nell’odio, che parla di fratellanza.  E che si contrappone a chi semina odio e non ha fratelli.

Il rapper Speranza rappresenta tutto quello che, secondo un certo tipo di narrazione dilagante, dovremmo ostacolare. Nascondere. E’ mezzo zingaro, mezzo francese, mezzo casertano. Ha vissuto il vero disagio delle periferie. La lotta per emergere, tra mille difficoltà. A Noisey dice:

“Sono cresciuto nel mio rione, in Francia, tra gente straniera, disagiata. Pure più disagiata di me. Così ho imparato: che tu sia arabo, albanese o zingaro, sei comunque mio compagno, mio fratello”.


Il concerto del 17 maggio al Bunker vuole affermare due cose:

  • A Torino vogliamo continuare a fare concerti e produzione culturale dal basso, senza uniformarci al sistema perpetrato durante gli ultimi anni, che sta lentamente soffocando una città che della sua scena musicale ha sempre fatto vanto.
  • Torino non è razzista e non accetta la preoccupante deriva del paese verso ideologie primitive e cagionevoli per i suoi cittadini. Vogliamo spazi liberi e persone libere, di ogni parte del mondo, per riempirli.

SPERANZA

Nato in Francia, emigrato in Campania, ha messo la sua città Caserta sulla mappa del rap anni ‘10. Stimato da molti artisti tra cui Gue Pequeno, Speranza è uno dei nomi che non si può non conoscere e con il suo ultimo singolo “Manfredi” continua ad essere, a livello di qualità e credibilità, una tra le migliori realtà del rap di strada in Italia. E’ stato inserito tra i rapper da seguire nel 2019 su Noisey, importante magazine di cultura giovanile e ha attirato l’attenzione di tutte le principali riviste di musica. Speranza ha catturato la curiosità dell’artista Masamasa che ne ha parlato al termine di una puntata di Training Day su Radio Raheem. Su Instagram è seguito da artisti internazionali come Frenetik & Orang3, Lucci, e WHTRSH e su Youtube i suoi video sono arrivati a toccare 1 milione di views.

BUNKER (Torino)
17 maggio ore 21.00
Via N. Paganini 0/200

DOPO IL CONCERTO: Amphibia

Club-night di base a Torino e piattaforma indipendente editoriale, vuole portare una ventata d’aria fresca nella scena attraverso una proposta congiunta di musica e arti visive. Amphibia è un’esperienza estetica, sensoriale e psico-geografca, un territorio comune per anime afni provenienti da luoghi diversi. Ciò che conta è la consapevolezza collettiva. Lo scopo? Infltrarsi nel sistema per lasciare un segno, senza mai farne parte.