Oroscopo della settimana

Tutte le settimane arrivano puntualmente i quadri astrali del nostro Gianpaolo Iacobone, tra non-sense e sensi unici. Insomma, un oroscopo non più “a caso” di tanti altri, ma più bello.

DA LUNEDÌ 4/3 A DOMENICA 10/3

13588940_10201845033525357_2125478614_o

*

*

A R I E T E

Limitatamente alla ciambelle che soffrono per le pene di frollini all’amianto, i lapislazzuli fischiano contro le fiaschette.


T O R O 

Non è da tutti far restare in equilibrio sulla giugulare i giocolieri più attenti alle problematiche ambientali dei neutrini.

G E M E L L I

L’importanza degli infissi è quasi pari a quella dei sentimenti per le valige piene di amore per i cani pelosi.

C A N C R O 

Imbottigliare il traffico va bene solo se si riceve l’autorizzazione dal monopolio di stato, altrimenti quella è la porta che si fa da parte.

L E O N E

Nel boschetto di proiettili sorridenti ci sono un sacco di anguille perplesse che non trovano le chiavi della loro milza.

V E R G I N E

Si fa quel che si può, ma soprattutto si fa quello che vuole farsi, anche se le barricate di branchie s’insaporiscono di melatonina.

B I L A N C I A

Si fa presto a dire che le vongole abbiano le loro ragioni, ma i diritti più nascosti dei cassetti s’interrogano spesso sui pontili di inquietudini.

S C O R P I O N E

Un cuscino non è mai solo un cuscino, ma a volte invece si rivela lo spauracchio del turbocapitalismo per funghi sott’aceto.

S A G I T T A R I O 

La gelatina urla vendetta quando i fianchi delle colline inciampano nel filo che unisce i criceti in mobilità e gli oceani albini.

C A P R I CO R N O

Fidarsi delle lame di gallina zuppa di ghisa è facile, non fidarsi delle squame sovrappeso che non trovano più la via di casa fa venire voglia di carbocisteina.

A C Q U A R I O 

Non è che si può notare in un pentolame in cui non si nota che le bietole si rotolano dispotiche come palle di pali.

P E S C I 

la veridicità conseguente agli unguenti per cappelli viscidi si addentra placida fra le pagine di libri troppo gelatinosi per essere strozzati.