OFT Airlines: decolla la nuova Stagione dell’Orchestra Filarmonica di Torino

Dopo il successo della scorsa Stagione, l’Orchestra Filarmonica di Torino intraprende un nuovo viaggio con il cartellone OFT Airlines.

_di Silvia Ferrannini
La porta dell’ultima delle Nine Rooms si chiude e si decolla verso nuovi cieli. Guidati dalla stagione concertistica che l’Orchestra Filarmonica di Torino presenta per il 2018/2019 si vola coi pensieri, si vola col sentimento, si vola tra dieci produzioni (di cui una, specialissima, fuori abbonamento) affatto prevedibili: OFT Airlines offre proprio un articolato viaggio, concepito e organizzato dalla Direzione artistica che vede Michele Mo, già Presidente dell’Orchestra, nel ruolo di direttore artistico, Giampaolo Pretto come direttore musicale e Gabriele Montanaro assistente alla direzione artistica, ruolo che affianca a quello di Coordinatore di Produzione.
 –

Da ottobre 2018 a giugno 2019 vi si presentano dieci ideali mete da esplorare.

Sfidando la gravità si planerà tra Schubert, Dvorák, Rachmaninov, attraverso Ravel, Hindemith, Strauss, fino a Beethoven e Brahms -il tutto tra le pieghe della Passione, della Leggerezza, della Follia, della Riflessione, della Complicità e delle altre emozioni che muovono il cuore e le idee umane (qui il programma completo → QUI).
Qualche succosa anticipazione: il primo comandante Giampaolo Pretto inaugurerà il volo con La Sinfonia Grande di Schubert e, del medesimo autore, l’Ouverture da Alfonso ed Estrella e una delle Ballet Music tratta da Rosamund; a gennaio, insieme al pianista Andrea Lucchesini, ancora Pretto ammalierà il pubblico con il Concerto n.2 per pianoforte e orchestra di Rachmaninov (il concerto verrà poi replicato al Teatro Olimpico di Vicenza nello stesso mese); si chiuderà in magia, a giugno, con una speciale inversione di ruoli con il Concerto per pubblico e orchestra del compositore Nicola Campogrande.
 –
Le nuove conoscenze saranno molte: dalla pianista Martina Filjak al compositore Stefano Pierini, dal corno Marc Gruber alla fisarmonica di Mario Stefano Pietrodarchi: nel corso del viaggio si udiranno mille voci, le quali si articoleranno in un cartellone organizzato in modo nuovo. Come di consueto, si potrà partecipare alla prova di lavoro a +SpazioQuattro in via Saccarelli 18 -ma stavolta alle 10 della domenica mattina; le prove generale si terranno il lunedì alle ore 18.15 al Teatro Vittoria in via Gramsci 4, cosicché chiunque esca da lavoro o dall’aula studio potrà godere di un’incantevole ultima esperienza prima di chiudere la giornata. Il tutto a costo ridotto, uno dei punti decisamente a favori della gestione dell’OFT.
 –
Sergio Lamberto sarà maestro concertatore della compagine degli Archi dell’Orchestra Filarmonica in quattro concerti nel corso della Stagione; quello di novembre sarà interamente dedicato a loro, con un programma che alterna alcuni Concerti grossi di epoca barocca (Corelli, Geminiani, Vivaldi, Händel) con le riposte sonorità di Pärt e Glass. L’evento fuori abbonamento, invece, sarà all’insegna dell’ironia, leggera ed impalpabile sulle note senza confini di Mozart, Rossini, Bernstein, Bach,Gershwin, eseguite dal Quintetto Bislacco. Il concerto è frutto della collaborazione tra lo staff e il progetto Young Board, i cui membri sono studenti universitari che non solo affianca le iniziative di comunicazione, ma crea appuntamenti speciali: esattamente come quest’ultimo, da non perdere (sarà pure Martedì Grasso!).
Si riconferma inoltre la sinergia con il Circolo dei lettori, che ospiterà quattro incontri di “Leggere la Classica” durante i quali il Direttore musicale Giampaolo Pretto e il maestro concertatore Sergio Lamberto accompagneranno il pubblico alla scoperta dei grandi autori della musica classica.
Come per la scorsa Stagione, i concerti in Conservatorio verranno aperti da un testo, pensato appositamente per OFT dal giornalista e musicista Lorenzo Montanaro, la cui lettura è a cura dell’Associazione liberipensatori “Paul Valéry” e della Scuola di Teatro Sergio Tofano. Un programma ricco e fortemente evocativo fin dalla grafica del libretto, curato da Gabriele Mo e dai piccoli racconti di presentazione dei concerti di Gabriele Montanaro.
 –
Le formule di acquisto dei biglietti previste sono diverse e alla portata di tutti. Già un’esperienza last minute come il singolo concerto è decisamente a basso costo (quanto un biglietto del cinema…); in più soluzioni come I Magnifici 5 o la possibilità di rinnovare a solo un euro l’abbonamento se presenti un nuovo abbonamento sono prova della fidelizzazione al brand OFT tra il pubblico under 35: i giovani sono meta privilegiata l’ispirazione fresca e innovativa che sempre guida le scelte dell’Orchestra Filarmonica.

Comments