Deafheaven: l’anarchia del blackgaze

La band di San Francisco arriva in Italia per due date, l’11 ottobre al Legend di Milano e il 12 al TPO di Bologna, grazie all’organizzazione di Hardstaff Booking Agency. Quando il fragore della musica incontra i sussurri dell’animo. 

_
_di Filippo Santin

Sono ormai quasi dieci anni che i Deafheaven calcano il palco. Nati dopo la fine del progetto Rise of Caligula – band grindcore formatasi intorno al 2006 – grazie a due ex membri, il cantante George Clarke e il chitarrista Kerry McCoy, sono stati fin da subito oggetto di curiosità all’interno della scena metal. Nonostante vengano definiti “black”, infatti, i Deafheaven si allontanano dall’estetica tipica di questo sottogenere – niente volti dipinti o borchie, tanto per generalizzare – così come i testi, che arrivano a citare scrittori come Julio Cortazar e delineano spesso immagini poetiche, con una certa inquietudine, che sembrano quasi uscite da un racconto di Raymond Carver.
_

Le sonorità, poi, finiscono per allargare di frequente il loro raggio, partendo dal metal e andando a toccare massicciamente il post-rock e lo shoegaze. Come capita spesso in questi casi, quando le influenze musicali sono tra le più varie, i Deafheaven hanno generato un po’ di confusione negli ascoltatori di un genere o di un altro, sfuggendo alle etichette – motivo per cui magari alcuni puristi hanno storto il naso. La band, tuttavia, sta continuando il suo percorso di sperimentazione che ha portato proprio quest’anno alla pubblicazione di un quarto album, “Ordinary Corrupt Human Love”, molto ben accolto dalla critica.

Per ascoltare i nuovi pezzi dal vivo, così come i vecchi, avrete due occasioni: l’11 ottobre al Legend di Milano, e il 12 al TPO di Bologna, grazie all’organizzazione di Hardstaff Booking Agency. In apertura sono previsti gli Inter Arma, gruppo statunitense dalle influenze sludge e psych-rock. Se vi piacciono le sonorità “forti”, le urla straccia-corde vocali, ma anche le atmosfere eteree ed emozionali, non potete certo mancare all’appuntamento.

Comments