[CONTEST] Vinci un biglietto per i SUUNS live al Magnolia

La band di Montréal torna in Italia per presentare il nuovo album Felt e il 30 marzo torna a calcare il palco del Magnolia per uno show imperdibile. OUTsiders Webzine, in collaborazione con Comcerto, mette in palio un biglietto per la data milanese dei SUUNS.

Come vincere?

1) Mettere “Mi Piace” alla pagina facebook di OUTsiders webzine (trovi link qui)

2) Mettere “parteciperò” all’evento su facebook.

3) Commentare questo link sulla nostra pagina Facebook (proprio tra i commenti Fb) con l’hashtag #SUUNSMAGNOLIA

Come fai a ritrovare il nostro post originale per commentarlo? Ti basta andare sulla nostra pagina Facebook:

– Sulla colonnina di sinistra troverai la voce “post”: cliccaci su.
– A questo punto sulla colonnina di destra troverai la dicitura “Cerca post in questa pagina” e ti basterà digitare “CONTEST SUUNS Magnolia” per ritrovare il post giusto da commentare”.
– È più facile a farsi che a dirsi: promettiamo!

NOTA BENE:
Il vincitore verrà estratto a sorte e contattato via Facebook (controllate la casella spam). Il contest chiude 48 ore prima del live.

Fin dall’inizio, i Suuns hanno cercato di fare le cose diversamente. La band nasce nell’estate del 2006 quando il cantante/chitarrista Ben Shemie e il chitarrista/bassista Joe Yarmush iniziano a scrivere le prime canzoni. Al duo si aggiungono ben presto il batterista Liam O’Neill e il bassista/tastierista Max Henry.

Nel 2010 la band entra ai Breakglass Studios con Jace Lasek di Lakes co-producing and engineering, dove registrano il loro primo vero album. Il gruppo voleva creare qualcosa che non fosse etichettato come semplice indie rock. “Jace ha avuto sicuramente un ruolo fondamentale nell’aver portato alla luce il grande sound della band, essendo aperto e disponibile a qualsiasi idea avessimo” spiega Ben.

Il risultato è Zeroes QC, un caldo ma oscuro propulsivo mix di pop, post-punk e rock sperimentale, quello che consente al gruppo di mutare forma musicalmente senza perdere il senso di tensione e disagio che attraversa il disco. Impressionante, è però, come i Suuns si sforzino di scolpire memorabili canzoni pop da blocchi sperimentali, usando frequentemente il rumore e lo spazio come spunti reali.

Il loro album di debutto Images Du Futur nasce durante le proteste studentesche del Quebec. Ciò che Ben Shemie chiama “un clima di entusiasmo, di speranza e frustrazione” i Suuns hanno cercato di renderlo e diffonderlo con questo album.

Quando a Maggio 2015 la band si mise a pensare al terzo lavoro capì che doveva cercare un nuovo approccio alla musica. La band decise quindi di spostarsi a Dallas, in Texas, per lavorare con il produttore John Congleton (St Vincent, The War On Drugs, Sleater-Kinney). Tre intere ed intense settimane di lavoro, nelle quali i quattro hanno prodotto Hold/Still.

Il risultato è senza dubbio il lavoro che più rispecchia la band: nell’album si sente il suono di un band che lavora in completa sincronia, una musica libera da ogni vincolo di genere o tradizione.

In tour negli ultimi due anni la band ha visitato molti paesi, spingendosi fino in Messico, Marocco, Beirut, Taiwan e Istanbul, e stretto nuove collaborazioni, come quella con l’amico Radwan Moumneh del progetto multimediale Jerusalem In My Heart, con il quale nel 2015 hanno pubblicato il disco Suuns & Gerusalemme In My Heart.

Il 30 marzo la band canadese porterà sul palco del Magnolia i pezzi di Felt, nuova release discografica del 2018.

Comments