Oroscopo della settimana

Tutte le settimane arrivano puntualmente i quadri astrali del nostro Giampaolo Iacobone, tra non-sense e sensi unici. Insomma, un oroscopo non più “a caso” di tanti altri, ma più bello.

DA LUNEDÌ 26/2 A DOMENICA 4/3

13588940_10201845033525357_2125478614_o

*

*

A R I E T E

Le guide dei cassetti che non vanno a scuola guida devono prendere i mezzi pubblici. Oppure a volte esagerano con gli interi privati.

T O R O

Ci saranno mille abiti da sposa in giacenza a casa della moglie sarta dell’avvocato divorzista, non è un conflitto d’interessi, è la vaniglia.

G E M E L L I

La tua tapparella si scioglie come un cono gelato anche se fa caldo e le nevi sono nere. Alligatore  Quetzalcóatl  è un bel nome per un portapenne.

C A N C R O 

Va tutto bene. Lo dicono i gabbiani in Siria mentre fanno la gara di velocità con i razzi e i mazzi. Va tutto benissimo.

L E O N E

Quando guardi il calendario anche il calendario guarda te e pensa: “ma pensa te, questo che mi guarda chissà cosa vuole?”. E tu vuoi solo le infradito di soya.

V E R G I N E

Perimetralmente alle buone abitudini, non ci si può mica fidare di uno scaffale solo perché si dimostra gentile. Deve dimostrare la piorrea.

B I L A N C I A

Inventarsi ogni giorno è dura, ma è possibile farlo facilmente se si mangia spesso pane, salame, lamette e bugnato antropomorfico. O i quattro saldi in lavatrice.

S C O R P I O N E

Un filone di pane ed uno narrativo non differiscono molto fra loro, ma non differiscono neanche fra altri. Alla fine stanno bene in casa anche il sabato sera.

S A G I T T A R I O 

Una scelta non ho mai capito se è una scelta anche prima di essere scelta, però alla fine è così e quindi bisogna accettarlo.

C A P R I CO R N O

I carati quando li si mangia per via auricolare possono anche chiederti dei favori che non puoi rifiutare, se non non li hai già fiutati.

A C Q U A R I O 

Ironizzate pure sui cunicoli sotto ai castelli di scabbia, poi quando vi ammalerete voglio proprio vedere come farete ad abbattere quella parete.

P E S C I 

Non è bello e neanche facile decorare il proprio tubo digerente dall’interno, ma poi, alla fine, la soddisfazione di averlo fatto ne ricompenserà la pena.


Comments