A Torino sta per tornare Jazz is Dead! Intanto godiamoci l’avanguardia jazz dei ZS

In attesa della rassegna vera e propria, vi presentiamo la preview di JID! al Magazzino sul Po con una della band più devastanti della scena avantgarde jazz newyorkese. 

Nuovo appuntamento firmato Jazz is Dead! Una scelta in bilico perfetto tra free jazz e il math rock, un’esecuzione precisa e minuziona come nella classica. Se il jazz è il fil rouge, l’evoluzione verso una complessa avanguardia sonora è evidente.

Jazz is Dead! presenta:
ZS (The Social Registry Records) New York – USA

† one of the strongest avant-garde bands in New York †

Sabato 3 febbraio 2018

ZS are:
Sam Hillmer – tenor saxophone
Patrick Higgins – electric guitar, electronics
Greg Fox – drums, percussion
Michael Beharie – electronics
Ingresso 8 euro riservato soci ARCI
Magazzino sul Po, Murazzi lato sinistro, Torino

ZS è una ensemble newyorkese. Dopo il successo di “Xe”, il loro album più acclamato dalla critica, ZS stanno oggi realizzando un nuovo disco che comprenderà materiale frutto di una serie di entusiasmanti collaborazioni. La caratteristica cruciale della formazione consiste nella “telepatia in diretta”, acquisita grazie ai numerosi anni di costante tour.

Le nuove collaborazioni con Arto Lindsay,  con il visual artist Tauba Auerbach e il regista Miles Joris-Peyrafitte si aggiungono alle attività in corso con la proiezionista Laura Paris e altri professionisti d’eccellenza. ZS stanno programmando l’annuncio del nuovo disco e di tutte le nuove collaborazioni.

La musica di ZS è stata categorizzata come no-wave, noise, post-minimalist, drone, psych, l’obiettivo è produrre un’opera che sfida i limiti mentali e fisici del musicista e dell’ascoltatore. La band è stata definita da The New York Times come “una delle più forti band avant-garde di New York”.

Ascolta gli ZS su Bandcamp qui

 

INFO
Magazzino sul Po
Circolo ARCI Torino
Murazzi del Po, lato sinistro
ZS
sabato 3 febbraio 2018
apertura porte ore 21:00
Ticket €8
http://magazzinosulpo.it/biglietteria/

Comments